Gianni Rodari. Gelsomino nel paese dei bugiardi


Цена 1450,00 руб
Цена / кг:
Описание

Автор: Gianni Rodari

Название: Gelsomino nel paese dei bugiardi

Кол-во страниц: 158

Издательство: Einaudi Ragazzi

Возраст: от 6 лет

 

Сказка Джанни Родари "Джельсомино в Стране лжецов" о необычном пареньке с громким голосом. Джельсомино попадает в Страну Лжецов и с помощью своего дара оживляет необычную кошку, нарисованную девочкой Ромолеттой. Найдя новых друзей и используя свой голос, мальчик помогает вернуть в город правду.

In un paese, dove per ordine del sovrano tutto funziona al contrario e è proibito dire la verità, arriva Gelsomino dalla voce potentissima che con l'aiuto di simpatici amici sconfigge la prepotenza e fa trionfare la sincerità. In questo libro (uno dei primi) Rodari dà prova della sua straordinaria capacità di esplorare con occhio critico la realtà sociale e di muovere con brio e finezza di stile verso un universo fantastico costruito sull'altruismo, sulla generosità, sull'amicizia: Gelsomino con la sua voce e la sua simpatia ci invita a guardare con ottimismo al futuro. Età di lettura: da 6 anni.

Giovanni Francesco Rodari è stato uno scrittore, ma ha anche lavorato come maestro elementare, giornalista e pedagogista. Ha contribuito a un rinnovamento della letteratura per l’infanzia con una vasta produzione percorsa da una vena di intelligente comicità, dando spazio ai temi della vita contemporanea e sostituendo il tradizionale favolismo magico con personaggi e situazioni surreali ma al tempo stesso legati saldamente alla quotidianità.

Tra i suoi libri: Le avventure di Cipollino (1961), Gip nel televisore (1964), Il libro degli errori (1964), La torta in cielo (1966), Le filastrocche del cavallo parlante (1970), C’era due volte il barone Lamberto (1978), Il secondo libro delle filastrocche (postumo, 1985). Ha esposto la sua concezione narrativa e pedagogica in Grammatica della fantasia. Introduzione all’arte di inventare storie (1973). Nel 1970 vinse il Premio Hans Christian Andersen, divenendo il primo italiano tra gli scrittori a riceverlo e, a oggi, ancora l'unico.